STORIA DI UNO SFRATTO

Il sig. Elearsi abitava da poco tempo in un antico condominio, dove i vecchi residenti non avevano
preso di buon grado che il nuovo inquilino avesse sfrattato, senza troppi complimenti e senza troppi
diritti, l’anziana e povera sig.ra Tina Selap.
La cosa, però, non era finita lì: la sig.ra Tina, molto irritata, ogni giorno veniva a tirare sassi alle
finestre dove ora abitava il sig. Elearsi che, forte di amicizie potenti, diveniva ogni giorno più
arrogante.
Infatti, poteva contare, tra le altre, sull’amicizia del dr. Asu, un ricco smargiasso che abitava in un
lontano e lussuoso quartiere ad occidente della città.
Al sig. Elearsi il dr. Asu aveva fornito una sessantina di sacchetti di immondizia, da usare contro
eventuali disturbatori.
Un giorno, però, la sig.ra Tina Selap, mentre faceva la sua magra spesa al mercato, conobbe un
certo sig. Nari. Questi, saputa la storia dello sfratto, cominciò a parlar male, nel quartiere, del
sig. Elearsi. Inoltre, aveva in mente di preparare un sacchetto di immondizia per essere pronto a
difendersi da eventuali reazioni.
In realtà era molto difficile prepararsi questi sacchetti perché, quando si è poveri, non si butta via
quasi niente.
A quel punto, il sig. Elearsi, prepotente com’era, denunciò agli abitanti della zona che il sig.
Nari era pericoloso per l’igiene e la salute di tutti perché, forse, stava preparando un sacchetto di
immondizia.
La cosa non creò molto scalpore visto che, ogni giorno, quasi tutti preparavano (i ricchi) o
pensavano di preparare (i poveri) sacchetti di immondizia.
Volete sapere come andò a finire?
Il sig. Elearsi, a forza di tenersi tutti quei sacchetti di immondizia, dovette scappare di casa, invasa
da topi e scarafaggi.
Nel condominio, dopo una buona pulizia, si fece una gran festa e la sig.ra Tina poté rientrare,
finalmente, nella sua abitazione.

Morale
Prima di criticare gli altri fai pulizia in casa tua.

Post scriptum
Per una migliore comprensione della storia prova a leggere i cognomi al contrario:

ELEARSI
SELAP (Tina)
ASU
NARI

Franco Costanzi – CSP

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email