LE DONNE E UNA DESTRA MALDESTRA

Il vice sindaco leghista di Rodigo (MN) sbriga facilmente la questione dell’asilo nido, delle rette alte, del costo dei servizi (ex) pubblici (quì con gestione privata con comodato d’uso ventennale ad una cooperativa di muratori ravennati): la madri stiano a casa a tenere i figli e non vadano a lavorare….
Tranquillo il vice sindaco di Rodigo: l’ odierna  pubblicazione dei dati sulla disoccupazione hanno già risolto il suo problema. Una donna occupata su due, ha perso il lavoro e data la condizione di demoralizzazione e sfiducia deninciata, molte di queste donne  nemmeno lo cercano più, il lavoro.
La demagogia quindi è deisamente fuori luogo, visto che la (inesistente) politica economica del governo delle destre sta portando il paese, o meglio le sue classi popolari e lavoratrici, alla disfatta.
Imporre di fatto alle donne di restare  casa e  non portare i bambini all’asilo, sopprimere servizi per i quali la Lombardia (con Mantova in testa) era punta d’eccellenza fino a pochi anni fa, ovvero prima che la deregolamentazone sperimentata proprio dal presidente Formigoni e fatta propria da altre regioni, a partire da  Emilia e Toscana, aprisse la giungla della privatizzazione anche nel settore educativo e scolastico, aumentare le tariffe in modo da rendere inaccessibili gli stessi servizi pubblici (scuola,  trasporti, sanità, servizi alla persona e ambientali),  è politica distintiva avviata da tempo dai governi nazionali e locali delle destre, purtroppo condivisa trasversalmente da Pd e centro sinistra, con la scusa che … non si  poteva fare altrimenti.
Poco conta che anche le donne della Lega rimarchino il primato dei servizi e il diritto al lavoro: è la politica del loro partito e del loro padrone ad aver abbattuto entrambi.
Il movimento delle lavoratrici presente ovunque nel paese, iniziato  dall’esperienza delle donne dell’Omsa di Faenza, attivo in Lombardia nelle lotte delle donne delle cooperativa che sfruttano donne immigrate e sottopagate nei servizi di pulizia da Malpensa e gli enti pubblici, fino ai recenti scioperi delle operaie dell’ emiliana Perla, tuttavia, stanno a dimostrare che è ripresa una lotta politica dagli obiettivi chiari, non più disposta a farsi strumentalizzare: quella delle donne che lavorano, che hanno conquistato negli anni diritti e servizi per tutti, arricchimendo una civiltà intera e che non hanno nessuna intenzione di condividere il massacro nei lori confronti, scatenato dal padronato con la compiacenza dei propri rappresentanti politici trasversali.


Monica Perugini – CSP Lombardia
Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email