DONNE DA MORIRE

Si torna indietro di decenni con la carità che la giunta regionale Formigoni vuole elargire alle donne “in difficoltà”  per evitare che abortiscano: 250 € mensili, per un massimo di 4.500 se non si rinuncia alla gravidanza. “Così le donne non saranno costrette ad abortire”: dichiara in pompa magna Formigoni. Ma le leggi che permettono alle donne una maternità consapevole, esistiono da un pezzo e  andrebbero applicate e sostenute, anche se la sua giunta seguita ad osteggiarle  e sabotarle,  come avviene per  le regole sulla somministrazione della pillola RU 486, la progressiva  soppressione dei consultori in atto in buona parte della province lombarde, per non parlare dei continui attacchi alla 194 avviati proprio da Mlano, a partire dalla strenua difesa dell’obiezione di coscienza che di fatto ha introdotto il mercato delle interruzioni di gravidanza. Nelle strutture pubbliche, infatti, la maggioranza dei medici obietta, per cui i medici che intervengono lo fanno a
“gettone”,  sponstandosi in una miriade di strutture con la conseguente scadenza qualitativa del servizio.
Le donne che accettanno questa carità,  che nemmeno si capisce come possa servire a mantenere un figlio piccolo in una condizione di mancanza di lavoro, autonomia, sostegno economico e di servizi  sociali come quella attuale, in più, dovranno sottoporsi ad un vero condizionamento etico: 18 mesi di “progetto personale” di aiuto,  realizzato da Consultori, Centri aiuto alla vita ed altri soggetti individuati fra pubblico e privato che, insieme alla Regione, gestiranno pure l’anagrafe delle beneficiarie. Come dire,  che una volta nella lista o si segue con diligenza il programma dettato da precise regole morali ed ideologiche, alla faccia del fatto che il nostro è uno Stato laico, oppure si perde anche il sussidio!
Una vergogna gravissima, a cui ci opponiamo e che denunceremo  in tutta la Regione con iniziative ed interventi  per svelare  l’ipocrisia di una giunta che taglia i fondi per i servizi, spalanca la porta ai privati in tutti i rami delal vita pubblica (dai servizi alla persona, ai trasporti, alla scuola) in nome del supremo  valore del profitto, ha soppresso i servizi pubblici di qualità per  sovvenzionare con oltre 5 milioni di euro una iniziativa demagogica e spudoratamente filoclericale degna della costrizione medioevale.
Occorre ribadire che proprio la legge 194 ha come obiettivo quella della prevenzione e come l’ interruzione della gravidanza per ogni donna e solo per lei, rappresenti un trauma che nessun bonus potrà mai lenire: si sostengano e si finanzino i servizi pubblici, si investa nel lavoro e nella difesa dei diritti ad esso connessi, si garantiscano i diritti e le garanzie delle donne lavoratrici, si elimini il precariato, si sostenga e condivida una politica di genere ed una cultura delle differenze che faccia del rispetto della donna il proprio fondamento culturale e sociale.
Di avvilenti campagne demagogiche non ci sarà più bisogno solo se la lotta delle lavoratrici, delle precarie e delle donne che stanno pagando il prezzo della crisi e dell’involuzione di cultura e costumi sociali, riuscirà a determinare quel cambiamento delle politiche sociali e di genere, del lavoro e dei diritti  i cui temi e tempi sono oggi dettati dalle destre di governo ma che,  da tempo, nemmeno sono contrastate dall’opposizione istituzionale,  troppo spesso acquiscente ed anzi sostenitrice della politica di destrutturazione dei servizi pubblici e addirittura di attacco alla stessa legge 194.

Monica Perugini – CSP LOMBARDIA

Condividi
  • Twitter
  • Facebook
  • email